Incentivi bici, eBike e monopattini elettrici, la proposta sale fino a 500 euro

Il Ministro De Micheli ritorna ancora sugli attesi incentivi per l'acquisto di mezzi privati di mobilità sostenibile, e rilancia con un contributo fino a 500 euro

l Ministro nelle scorse ora è tornata ancora sull'argomento, specificando che l'incentivo andrebbe a coprire il 70% del costo di acquisto, fino appunto ad un massimo di 500 euro. Ha ribadito che il limite per accedervi sarebbe vivere in un centro di almeno 50.000 abitanti, anche se questo paletto potrebbe essere ulteriormente abbassato fino a 45.000, per non escludere importanti città. Dubbi ancora sul metodo di erogazione: il cittadino potrebbe pagare il prezzo intero e poi chiedere il rimborso tramite apposita piattaforma digitale, oppure l'onere potrebbe spettare al negoziante, che dovrebbe quindi vendere il bene già scontato, come avviene per le automobili e le due ruote elettriche. Il fondo, al momento stanziato, dovrebbe aggirarsi intorno ai 120 milioni di euro.

Per consentire spostamenti più sicuri durante la fase 2, ed evitare il sovraffollamento dei mezzi pubblici, il Governo ha pensato di favorire i mezzi privati della cosiddetta mobilità dolce, come bici, eBike e monopattini elettrici. Per agevolare le persone che ancora non posseggono uno di tali mezzi, o lo devono sostituire, è al vaglio da settimane un incentivo che permetterebbe uno sconto sensibile sul prezzo d'acquisto.

Inizialmente erano trapelate voci per una cifra di 200 euro a cittadino, ma dalle ultime dichiarazioni il Ministro Paola De Micheli sembra orientata a salire fino a 500 euro. Allo stesso modo il limite che era stato introdotto, ovvero concedere il contributo per città con almeno 60.000 abitanti, verrebbe abbassato a 50.000.

In realtà la formula utilizzata, ovvero "fino ad un massimo di 500 euro", lascia intendere che l'incentivo possa essere bilanciato in base al prezzo totale del prodotto scelto, con un massimale appunto di 500 euro. Esclusa invece la possibilità che l'erogazione possa essere vincolata al reddito.

Non ci sono invece notizie circa le procedure per ottenere l'incentivo. Nei giorni scorsi avevamo parlato della possibilità che venisse erogato in modo simile al bonus TV, ma non sono arrivate né conferme né smentite. La decisione definitiva arriverà di concerto tra i Ministeri coinvolti, tra cui ci sono anche Ambiente, Finanze e Sviluppo Economico, oltre a ovviamente quello in cui De Micheli è titolare, quello dei Trasporti.


Firma Redazione 1png

Commentalo su FBpng