Mobilità sostenibile: presente e futuro in Italia

La mobilità sostenibile negli ultimi anni si sta confermando nel mercato italiano. Infatti, mentre nel periodo di lookdown, la vendita di auto è collassata ad una domanda dell'85%, le immatricolazioni delle auto elettriche sono giunte al 49,8%, prendendo così piede nelle scelte e nei gusti degli italiani. Per quali motivi scegliere un veicolo sostenibile? Le risposte variano da persona a persona, ma nella media sono molti coloro che vogliono salvaguardare l'ambiente e nello stesso tempo ricevere proficui incentivi economici per l'acquisto.

Così come la domanda verso una mobilità sostenibile sta aumentando, crescono anche le stazioni di ricarica per i veicoli elettrici. Infatti, in Italia vi è stato un grande cambiamento dal 2019 ad oggi. Un cambiamento visibile ad occhio nudo. Vi ricordate quante colonnine per la ricarica elettrica vi erano nei parcheggi, alle soste stradali, in centro città? Molte, molte meno di oggi. In Italia abbiamo avuto un a grande crescita di punti di ricarica elettrica e non solo, vi sono proposte che vorrebbero aumentare il numero di punti di ricarica sul tutto il territorio.  Un esempio ci viene dato dal piano di trasformazione nel 2023 delle autostrade italiane , in cui il progetto prevede l'aggiunta di 6 stazioni di ricarica ultra veloce (350 kW) in 67 stazioni di servizio. Questo progetto ha l'obiettivo non solo di coprire tutto il nostro territorio,  ma anche quello di azzerare la  lentezza della ricarica elettrica e la perdita di tempo.

In questo modo gli automobilisti sarebbero più incentivati ad acquistare un veicolo rispettoso dell'ambiente.

La situazione ad  oggi in Italia?

I progetti futuri sono davvero tanti, ma va ricordato che ad oggi in Italia vi è ancora la problematica riguardante le colonnine di ricarica elettrica. Facendo un breve excursus sul territorio italiano possiamo ben quantificare la presenza esatta delle colonnine: in Piemonte ve ne sono 1330, nel Lazio 1179, in Lombardia 2467, la Puglia 617 e la Sicilia 350. Purtroppo notiamo subito la scarsità e la non uniforme presenza di punti di ricarica sostenibile sul nostro territorio.

In Europa, invece, ad affermarsi come paese tecnologicamente avanzato, per quanto riguarda la mobilità sostenibile, è l'Olanda, in cui si conta una colonnina ogni 2100 abitanti (in Italia contiamo 1 colonnina ogni 16.878).

Iniziative che aprono il futuro alla mobilità elettronica

Volkswagen Group Italia promuove progetti concerti per contribuire alla diffusione dell' e-mobility nel nostro paese. Un esempio su tutti è Electrify Verona, iniziativa nata dalla collaborazione dell’azienda automobilistica con l’amministrazione comunale della città scaligera e con la multiutility energetica locale AGSM. Questo sistema di mobilità garantisce a chi acquista un auto elettrica, a contare sulla presenza di colonnine per la ricarica veloce (circa 100 sul territorio), può accedere liberamente alla zona ZTL e, senza differenziazione sul modello acquistato, i clienti possono godere dell'istallazione gratuita nella propria abitazione del wall-box.


Il nostro futuro si basa su questo presente, proprio per questo motivo bisogna credere in queste grandi iniziative che saranno in grado di sostenere il nostro territorio. Bisogna però dare la sicurezza a tutti i presenti e futuri clienti di veicoli elettrici, di poter ricaricare in tutto il territorio la propria automobile, di poter usufruire del servizio anche nelle stazioni di servizio, al centro di una città e non solo, bisogna anche poter garantire una ricarica veloce.

Fonte: greenstyle.it


Firma Merolapng

Commentalo su FBpng